GRAND TOUR, PARTE I: DA VENEZIA A MILANO - Travel Circle
LOGIN | REGISTRAZIONE | CERCA

GRAND TOUR, PARTE I: DA VENEZIA A MILANO

Partì da Venezia, per le terre dei Khan, uno dei più conosciuti viaggiatori della storia. Fu un’esperienza epica, la sua, che cambiò la conoscenza del Mondo e dei popoli. Prese il largo dalla città “galleggiante”, una manciata di isole, separate da canali, unite da ponti. Erano veneziani i viaggiatori amanti dei deserti e della libertà, che nel 1978 hanno dato vita a Kel12, la dodicesima tribù che da oltre quarant’anni, e con uno spirito che è rimasto autentico e intatto dalle origini, percorre le piste e i sentieri che attraversano i cinque continenti.

E sarà Venezia la prima città del Grand Tour, un viaggio, anzi, un “grande Viaggio” dalle Dolomiti alle coste della Sicilia, dalle terre di confine a est che aprono le vie verso Oriente, a quelle ad Ovest affacciate sul Tirreno.

A Venezia, entreremo nella Basilica Di San Marco con una visita notturna esclusiva, come unici visitatori. Una emozione forte, nel silenzio, con la luce d’oro dei mosaici e i colori delle pietre e dei marmi, scoprirne la straordinaria bellezza. Quando Venezia, l’anfibia, divenne dominatrice del mare e delle rotte carovaniere verso oriente, fece confluire nel culto di San Marco, valori religiosi e politici. Nel tempio religioso divenuto il simbolo universale della potenza della città furono utilizzati i migliori materiali che i veneziani poterono prelevare da regioni dove le civiltà greca, romana e bizantina avevano lasciato testimonianza eterna nella pietra di un mondo che lentamente stava morendo. Da Punta della Dogana, come in una tela di Canaletto, la navigazione sul Nuovo Trionfo, uno degli ultimi trabaccoli in uso nell’alto Adriatico italiano. Una imbarcazione “da carico” e da trasporto sotto costa, con due alberi, “vele al terzo”, fiancate alte e grandi stive. Una storia di servizio lunga tre secoli, da Chioggia all’Albania. Il tempo per un’avventura, un gioco, una esperienza emozionale insolita, alla scoperta della città più nascosta e vera, una caccia al te-soro nella Venezia bellissima e appartata, che esiste, di cui nessuno si accorge e che un viaggiatore sa sempre apprezzare.

Da Venezia i Colli Euganei si vedono all’orizzonte, inconfondibili coni vulcanici, primo Parco regionale del Veneto. È qui che la famiglia Obizzi di Borgogna, arrivata in Italia come capitani di ventura costruì il Castello Del Catajo, la “Cà sul tajo”, una struttura immensa, castello militare e villa principesca. Nella metà del 1500 divenne un salotto letterario di ampio riferimento, frequentato da intellettuali tra cui Ariosto e una delle case museo più ricche d’Europa. Gli affreschi delle pareti interne, opera bellissima di Gian Battista Zelotti, discepolo di Paolo Veronese, rappresentano uno spettacolare ciclo di affreschi, il più completo delle ville venete.

Dal Veneto al Friuli-Venezia Giulia. Ad Aquileia ogni pietra racconta la potenza dell’Impero Romano. Porto fluviale, divisa dal Cardine Massimo, la Via Iulia Augusta, e dal Decumano Massimo, fu punto di partenza di storiche vie commerciali che, oltre le Alpi, giungevano al Baltico – la via dell’ambra – alla Gallia, a in Oriente. È patrimonio Unesco dal 1998 e il Museo archeologico nazionale paleocristiano è il più importante del nord Italia.

Il parco secolare di Villa Iachia è stato scelto per ospitare i viaggiatori e come luogo esclusivo, in un’atmosfera fiabesca, del concerto del giovane talento, pianista e compositore, Alessandro Martire. La sua musica “rivoluzionaria”, classica-contemporanea, nasce dalla passione per i viaggi, nasce in viaggio e da un grande amore per la natura dalla quale l’autore trae continua ispirazione. La musica e l’atmosfera creata dalla luce delle torce nel parco vogliono donare un messaggio di speranza e un momento di intima condivisione.

Una discesa verso il centro della Terra, per visitare la Grotta Gigante, entrata nel Guinness dei primati per contenere la sala sotterranea più grande del mondo e poi Trieste, che odora di mare e dell’oriente d’Europa. Nel centro storico, ricco e multietnico, il Caffè San Marco, è stato ritrovo di intellettuali e scrittori del Novecento: Svevo, Saba, Slataper, Joyce. Claudio Magris è ancora un cliente abituale. E tra Barcola e Miramare è ambientato uno dei suoi più bei romanzi. Il Castello Di Miramare e il parco che lo circonda, hanno trasformato l’aspetto carsico e arido del promontorio di Grignano. L’area marina e di scogliera su cui sorge il castello sono Riserva naturale protetta. Una uscita in barca per lo snorkeling permette di vederne la meraviglia sommersa. Dal mare Adriatico alle Tre Cime Di Lavaredo, bellissime e austere torri di roccia come regine in mantello. Le regine delle Dolomiti, patrimonio Unesco dal 2009. Sono le pareti verticali che fanno so-gnare di più, da sempre, gli alpinisti di ogni paese del Mondo. Il trekking per guardare da vicino ogni loro piega e ogni ruga passa alla base di queste dita che accarezzano il cielo. Dalla Val Pusteria, lungo il corso dell’Adige, fino alle colline della Valpolicella ricche di contrade dell’architettura contadina, rinomate per l’Amarone, un vino rosso granato dal gusto deciso coltivato su terrazze realizzate in pietra e per l’estrazione del marmo detto “rosso Verona”.

Dove: EUROPA / Italia

Prezzo a partire da: €

Per questo viaggio non è stata stabilita una durata definitiva

Potrebbero interessarti